Decornazione e decornatore.

La pratica di decornare i capretti è quasi indispensabile negli allevamenti caprini a stabulazione fissa e in semi-stabulazione.
Ci sono numerose buone ragioni per adottare questa pratica:
– le capre con corna sono solite procurarsi lesioni, anche gravi, in tutto il corpo e in particolare alla mammella;
– spesso si verificano rotture di corna dovute alle naturali sfide gerarchiche;
– le capre con corna tendono ad incastrarsi con la testa;
– le capre con corna necessitano di mangiatoie che le tengano in conto;
– le capre con corna possono rappresentare un pericolo per gli operatori (non pensate ad un attacco dell’animale, bensì al fatto che un movimento della testa della capra fatto solo per paura può bastare per ferire un operatore distratto o concentrato su altro, come una medicazione);
Ovviamente l’atto della rimozione delle corna appare come una mutilazione, una crudeltà nei confronti dell’animale, ma posso assicurare che se eseguita correttamente, il rapporto costi-benefici, per le capre (da allevamento) stesse propenderà verso i benefici.
Una decornazione corretta deve sempre essere effettuata:
– in un ambiente idoneo che non sia la stalla e mai alla vista degli altri capi;
– da un operatore competente e un aiutante;
– nel giusto momento e mai troppo tardi (mediamente entro i primi 14 giorni di vita);
– con strumenti specifici, quali i decornatori elettrici o a gas e seguita da una giusta medicazione.
Se tutte queste condizioni vengono rispettate, l’intervento si dimostrerà rapido sia nell’esecuzione che nella ripresa totale del capretto, nonché privo di sangue e di complicazioni. I giovani trattati infatti ritornano a rilassarsi già in poche ore, alcuni quasi immediatamente, per poi cicatrizzare la zona in poche settimane senza che ne rimanga alcun segno visibile. Dopo la prima medicazione che segue la decornazione, nella prima settimana di guarigione è bene disinfettare a giorni alterni e ad ogni comparsa di sangue per tutto il periodo (spesso dovuta a “grattini” fatti con le zampe) con disinfettante con antibiotico spray ad uso zootecnico.
Il miglior sistema di decornazione è rappresentato per molti allevatori dai decornatori elettrici.
A differenza di altri metodi procurano un risultato rapido e migliore abbassando le probabilità di insuccesso della pratica e limitando i possibili danni all’animale; prevedono però la competenza di chi pratica l’intervento.
Un decornatore elettrico prevede la rimozione meccanica del corno mediate la sua punta rovente e per esplicare al meglio questa funzione senza arrecare danni deve essere:
– adoperato solo da personale competente (no test!!!);
– portato sempre alla sua corretta temperatura d’esercizio;
– scollegato dalla linea elettrica quando adoperato sull’animale e ricollegato nelle pause per mantenerlo in temperatura;
– essere perfettamente pulito, rimuovendo fra un capo e l’altro ogni residuo attaccatovisi.
La temperatura dello strumento è fondamentale come la competenza per la rapida conclusione di una decornazione, in genere si impiegano un paio di minuti/capo.
I risultati della pratica sulle femmine sono eccellenti nella stra maggioranza dei casi, nei maschi sono invece comuni delle ricrescite, non delle corna vere e proprie ma di “pseudocorna” spesso piatte e ricce. Per limitarle è bene decornare i maschi precocemente.

2 risposte a “Decornazione e decornatore.”

    1. Ciao Claudio, più che l’età in giorni tante volte è lo sviluppo del corno a dettare la tempistica. Per i maschi consiglio una Decornazione più precoce, per le femmine spesso si può temporeggiare. Più in generale, SE il corno entra nel decornatore comodamente sei ancora in perfetto tempo. Comodamente significa sia per altezza che per diametro.

      Centrosaanen ricorda di avere massimo rispetto e cura per gli animali e di rivolgersi sempre al veterinario per ogni dubbio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *